Articolo

Come lubrificare un riduttore

Una delle problematiche più diffuse legata ai macchinari industriali, è quella relativa al come lubrificare un riduttore. Infatti, un riduttore con grandi prestazioni, unito ad un lubrificante adeguato, raggiunge performance migliori rispetto ad uno che non ha una lubrificazione corretta.Nel momento in cui c’è una cattiva lubrificazione sorgono notevoli problematiche. I macchinari non solo possono essere danneggiati dalla poca lubrificazione, ma anche dall’eccesso di olio. Quest’ultimo può causare una grave perdita di olio dagli anelli di tenuta che, in settori come industrie alimentari o farmaceutiche, possono essere nocivi.

Problematiche

Cosa succede se avviene una lubrificazione scorretta?

Nel momento in cui c’è una cattiva lubrificazione sorgono notevoli problematiche. I macchinari non solo possono essere danneggiati dalla poca lubrificazione, ma anche dall’eccesso di olio. Quest’ultimo può causare una grave perdita di olio dagli anelli di tenuta che, in settori come industrie alimentari o farmaceutiche, possono essere nocivi. Assenza o cattiva lubrificazione possono comportare un eccessivo surriscaldamento del riduttore durante il suo funzionamento provocando danni come l’usura della dentatura o il blocco dei cuscinetti.


Risoluzione

Come lubrificare un riduttore nel modo adeguato?

Ci sono 3 modi per lubrificare il riduttore correttamente:


Lubrificazione limite

Questa lubrificazione è da applicare a tutti i riduttori che ruotano con un basso n° di giri e hanno forti carichi d’urto. La soluzione migliore è quella di utilizzare un lubrificante con un grado di viscosità alto così da formare una pellicola spessa e garantire una protezione sicura. In caso in cui il lubrificante con le caratteristiche sopracitate non sia la scelta corretta per il vostro riduttore possiamo ricorrere agli additivi. Oltre ai normali additivi antischiuma o antiossidanti si possono utilizzare olii con additivi per alte pressioni (Proprietà EP) ed anti- usura.

Lubrificazione idrodinamica

Questa lubrificazione è spesso adottata nelle coppie striscianti rotoidali e prismatiche, in presenza di carichi non elevati ma con alte velocità. La soluzione è quella di lubrificare abbondantemente con un olio viscoso. Nei riduttori a vite senza fine il contatto vite/ruota viene impedito dallo strato di lubrificante. La lubrificazione è pertanto affidata soprattutto alla capacità dell’olio di aderire alle superfici in contatto e di resistere ad un effetto di rimozione dovuto al forte strisciamento. Per la lubrificazione dei riduttori a vite senza fine si consigliano in genere, oli con caratteristiche di estrema pressione e, talvolta, alquanto viscosi.

Lubrificazione elastoidrodinamica

È un regime di lubrificazione che si può avere con velocità oltre i 60m/min. Riduttori che producono elevate velocità possono funzionare con olii meno viscosi di quelli che sarebbero richiesti con velocità inferiori. Se la velocità periferica è più elevata, l’intervallo di contatto è così breve che non permette all’olio l’espulsione. Quest’ultima è contrastata dal fatto che il lubrificante aumenta notevolmente di viscosità. A causa di questo aumento di viscosità si forma una spessa pellicola d’olio che conferisce al lubrificante un’alta capacità portante, sia in regime idrodinamico che in regime elastoidrodinamico.  Quindi, meglio utilizzare olii meno viscosi di quelli citati precedentemente.




Manutenzione

5 semplici passi per avere una manutenzione corretta

Per effettuare una manutenzione corretta bisogna tenere presenti 3 cose:

  • l’olio deve essere cambiato ogni 5 anni di lavoro oppure ogni 500 ore di funzionamento
  • verificare le condizioni del paraolio e dell’anello di frizione
  • controllare il livello di olio una volta al mese

Per avere un’agevolazione nello svuotamento dell’olio vi consigliamo di cambiarlo quando il riduttore è caldo seguendo questi 5 punti:

  1. Posizionare un recipiente sotto il tappo di scarico
  2. Togliere i tappi di carico/scarico, lasciare che il lubrificante definisca e attendere
  3. Sostituire le guarnizioni dei tappi di carico e scarico, pulendo con cura le parti interne
  4. Riavvitare il tappo e installare il riduttore nella sua postazione
  5. Riempire il riduttore con olio nuovo fino al raggiungimento del livello indicato